carcinoma a cellule transizionali derivanti …

carcinoma a cellule transizionali derivanti ...

Testo intero

citazioni

BioEntities

articoli Correlati

Link esterno

* Dipartimento di Urologia, Dongnam Istituto di Scienze Radiologiche mediche Cancer Center, Corea;

Dipartimento di Patologia, Dongnam Istituto di Scienze Radiologiche mediche Cancer Center, la Corea

Astratto

introduzione

cisti renali sono associati a diversi tipi di malattie renali, e alcune cisti sono difficili da distinguere in imaging. In particolare, una cisti caliceale, che è molto raro, è difficile da diagnosticare a causa della sua somiglianza con cisti renali. Dal momento che i casi di cisti caliceale sono estremamente rari, le cisti renali più sono suscettibili di essere visto nel parenchima renale. Riportiamo il caso di un paziente che è stato inizialmente diagnosticato un tumore renale cistica. Questo caso è unico in quanto la diagnosi iniziale è stato infine confermato come carcinoma a cellule transizionali (TCC) dalla biopsia.

Caso clinico

Un uomo di 59 anni, un portatore di epatite B, presentato per il trattamento di una cisti renale sinistra rilevato sulla tomografia computerizzata addominale (CT). Il paziente non ha presentato con ematuria macroscopica o altri sintomi urinari. Non sono risultati anormali sono stati rilevati in sede di esame fisico e non a sinistra la tenerezza angolo di costo-vertebrali. Tutti gli esami del sangue e delle urine erano normali. Addominale CT rivelato 1 cisti, misura 8,7 cm di diametro nel rene superiore sinistro e un’altra piccola cisti nel rene destro (Fig. 1, parte A).

A. Una tomografia computerizzata (TC) mostra un grosso tumore cistico nel polo superiore del rene sinistro. B. Contrast-enhanced TC mostra la parte inferiore della ciste che ha potenziato muro e piccole quantità di calcificazione. Leggermente migliorata la massa è visto.

Calcificazione era presente sulla parete cistica renale sinistra, ed una massa mdc è stata trovata sul fondo della cisti (Fig. 1, parte B). Tuttavia, l’identificazione della forma esatta è difficile a causa della mancanza di un’immagine coronale. La cisti renale aveva ampliato nelle dimensioni rispetto alle sue dimensioni 5 mesi prima. Linfoadenopatia era assente, e non c’erano risultati anomali osservati sul dell’uretere e della vescica. Per ottenere ulteriori informazioni sulla massa con mdc, abbiamo condotto un esame Doppler sul rene; una massa solida 3,9 2,4 cm con angiogenesi è stato osservato nel rene basso a sinistra. La cisti è stata separata in vari setti con noduli multipli ciascuno (Fig. 2).

Ecografia del rene sinistro mostra più masse nella porzione inferiore del tumore cistica.

Il paziente è stato sottoposto a sinistra nefrectomia radicale laparoscopica. Dal momento che il grosso tumore ha impedito la visualizzazione di un campo operatorio chiara, la resezione del ilo renale era difficile. Sanguinamento lieve verificato durante la resezione a causa della forte adesione del tumore con il muscolo grande psoas e la milza. La resezione è stata completata con cura, e il tumore è stato rimosso con successo senza rompersi. L’uretere è stato resecato dopo la legatura nell’uretere superiore. Dopo l’intervento chirurgico, il paziente ha recuperato senza complicazioni ed è stato dimesso il giorno post-operatorio 8. Un tumore cistico misura 10,0 8,7 7,8 centimetri è stato trovato in esame patologico. Molti noduli sono stati osservati nei setti all’interno del tumore, ed è stato trovato giallo 4.0 a 2.5 cm luce massa sul fondo del tumore (Fig. 3).

Sezione coronale del rene sinistro mostra un grosso tumore cistico con noduli multipli murali solidi papillari.

L’esame al microscopio ha rivelato che la parete del tumore era composto urothelium. La massa interno era un grado 2/3 TCC (Fig. 4).

noduli murali mostrano grado 2 carcinoma papillare uroteliale (in alto a destra). La parete cistica è stato inoltre fiancheggiata da cellule di carcinoma, che invade il tessuto focally sottoepiteliale connettivo (a sinistra in basso) e muscolare (non mostrato).

Anche se il cancro si era invaso gli strati muscolari, nessuna invasione dei tessuti che circondano il midollo renale e pelvi renale è stata notata. Anche se non vi era alcuna comunicazione diretta tra il tumore e la pelvi renale, il tumore aveva parzialmente invaso pelvi renale e dell’uretere prossimale. Il tumore era cistica al calice renale perché era chiaramente differenziabile dalla pelvi renale e ha esercitato alcuna pressione su di essa. Dal momento che il paziente è stato diagnosticato con stadio TNM T2N0M0, abbiamo deciso di monitorare lui senza attuazione chemioterapia adiuvante. Il paziente rimane libero da malattia 10 mesi dopo l’intervento chirurgico.

Discussione

Le cisti semplici si trovano comunemente nel rene e non richiedono un trattamento nella maggior parte dei casi. Bosniaca ha pubblicato un sistema di classificazione cisti renale sulla base di forma; è ampiamente usato. 1 McFarlane e colleghi hanno analizzato la letteratura esistente e hanno riportato la frequenza delle cisti renali maligne in base alla classificazione bosniaci. 2 carcinoma a cellule renali (RCC) è stato trovato in 1,7%, 18,5%, 33% e 92,5% di categorie bosgnacche I, II, III, e IV, rispettivamente. 2 categoria Bosniak IV, che è molto probabile malignità, è definita come la presenza di una massa mdc all’interno di una cisti. 1 Il nostro caso è stato classificato come Bosniak categoria IV per la presenza di una massa mdc nella cisti con un numero di noduli sulla parete cistica. Dal momento che circa l’85% dei tumori maligni renale sono RCC, questo caso è stato anche sospettato di essere una categoria bosniaca IV cistica RCC.

Il trattamento di base per la TCC che si verificano nel tratto urinario superiore (UUT) è costituito da nefroureterectomia radicale (RNU) con escissione del bracciale vescica. 6 Nel caso di specie, il tumore era sospettato di essere un RCC cistica; Pertanto, l’uretere non completamente rimossa. Se il tumore è stato sospettato di essere un TCC prima dell’intervento chirurgico, l’intero uretere sarebbe stato rimosso. Anche se parte del dell’uretere è rimasto, il margine chirurgico è stato negativo. Poiché non sono state riscontrate differenze nei tassi di recidiva in diverse relazioni che hanno confrontato pazienti sottoposti ureterectomia parziale e RNU per TCC della UUT, 7. 8 il paziente è stato monitorato senza trattamento chirurgico aggiuntivo. Diverse valutazioni, tra cui la cistoscopia, citologia urinaria e CT, saranno eseguiti su base regolare.

Conclusione

Le note

Interessi conflittuali: Dr. Kim, il Dr. canzone e il Dr. Lee tutti dichiarano interessi finanziari o personali concorrenti.

Questo documento è stato peer-reviewed.

Related posts

  • Subungual cellulare carcinoma squamoso …

    Subungual carcinoma a cellule squamose del dito Liem T. Bui-Mansfield 1 2 3. Joseph P. Pulcini 4 e Stephen Rose 5 Affiliazioni: 1 Dipartimento di Radiologia, Brooke Army Medical Center, San …

  • Che cosa è carcinoma a cellule squamose …

    Carcinoma a cellule squamose (SCC) è una condizione di salute che coinvolge la crescita incontrollata di cellule anormali nella pelle esterna cellule squamose dell’epidermide. Essa si verifica a causa di …

  • Tricoepitelioma e cellule basali …

    Parole chiave: il carcinoma basocellulare, immunoistochimica, multipla tricoepitelioma familiare, differenziazione squamosa, tricoepitelioma quello che era conosciuto? TE subisce raramente maligni …

  • Che cosa potrebbe causare un lancinante …

    10 persone pensano che questa utile la domanda e la risposta sono bloccati e non possono essere modificati. altri + 5 hanno trovato questa utile Se è sul lato destro, potrebbe essere calcoli biliari. Su entrambi i lati che potrebbe essere …

  • Il ruolo della resezione polmonare …

    Estratto Riportiamo il caso di un uomo di 53 anni che ha presentato con due noduli nel lobo inferiore e un nodulo nel lobo superiore del polmone destro quasi 7 anni dopo prostatectomia radicale per …

  • Tubercolosi – linfatico cervicale …

    Caso Discussione CT del collo dimostra una grande centrale necrotico, massa lobulato nel percorso della catena giugulare interna in basso a sinistra, in linea con un gruppo di arruffati allargata, …