Sifilide lesioni immagini, lesioni sifilide immagini.

Sifilide lesioni immagini, lesioni sifilide immagini.

sfondo

Sifilide. Queste fotografie ritraggono l’ulcera caratteristiche osservate nella sifilide primaria. Utilizzato con il permesso di Saggezza (sinistra) A. Color Atlas of.

Vedere 20 Segni di infezioni a trasmissione sessuale, critico immagini della presentazione, per contribuire a rendere una diagnosi accurata.

Vedere anche gli indizi nella cavità orale: stai manca la diagnosi? Presentazione per aiutare a identificare le cause delle anomalie del cavo orale.

La sifilide ha una miriade di presentazioni e può imitare molte altre infezioni e processi immunomediate in fase avanzata. Quindi, si è guadagnata il soprannome di “il grande impostore.” Le manifestazioni complessi e variabili della malattia hanno indotto Sir William Osler di osservazione, “Il medico che conosce la sifilide conosce la medicina.”

Molti personaggi famosi nel corso della storia si pensa di aver subito da sifilide, tra cui Bram Stoker, Enrico VIII, e Vincent Van Gogh. Dal momento che la scoperta della penicillina nella metà del 20 ° secolo, la diffusione di questa malattia, una volta molto comune è stato ampiamente controllato, ma processo di eradicazione della malattia del tutto non hanno avuto successo.

fisiopatologia

Tre generi di spirochete causano infezione umana:

Treponema, che causa la sifilide, framboesia e pinta

borrelia, che provoca la malattia e recidivante febbre Lyme

Leptospira, che provoca la leptospirosi

La particolare spirochete responsabile per la sifilide è Treponema pallidum.

la sifilide acquisita

Il sistema nervoso centrale (CNS) è invasa presto l’infezione; durante la fase secondaria, esami dimostrano che più del 30% dei pazienti ha risultati anormali nel liquido cerebrospinale (CSF). Durante i primi 5-10 anni dopo l’insorgenza di infezione primaria non trattata, la malattia coinvolge principalmente le meningi e dei vasi sanguigni, con conseguente neurosyphilis Meningovascular. Più tardi, il parenchima del cervello e del midollo spinale sono danneggiati, con conseguente neurosyphilis parenchimatosi. Vai a Neurosifilide per informazioni complete su questo argomento.

Ad esempio, ospitare risposte immunitarie umorali e cellulari può impedire la formazione di una lesione primaria successive infezioni con T pallidum. ma sono sufficienti per cancellare l’organismo. Questo può essere perché la guaina esterna del spirochete manca molecole immunogeniche, o può essere causa di down-regolazione delle cellule T helper della classe TH1. [1, 2]

sifilide secondaria sviluppa circa 4-10 settimane dopo la comparsa della lesione primaria. Durante questa fase, le spirochete si moltiplicano e si diffondono in tutto il corpo. Le lesioni sifilide secondaria sono molto variabili nelle loro manifestazioni. manifestazioni sistemiche includono malessere, febbre, mialgie, artralgie, linfoadenopatia, ed eruzioni cutanee.

lesioni mucocutanee diffusi sono osservati su tutto il corpo e possono comportare le palme, suole, e mucose orali. Molto spesso, le lesioni sono maculare, discrete, marrone rossiccio, e 5 mm di diametro minore; tuttavia, possono essere pustolosa, anulare, o ridimensionamento. rash cutaneo vescicolare è tipicamente assente. Tutte queste lesioni contengono treponemi. Di questi, le patch mucose umide sono le più contagiose. Istologicamente, la reazione infiammatoria è simile ma meno intensa di quella della ulcera primitiva.

sifilide latente è una fase in cui le caratteristiche della sifilide secondaria si sono risolti, anche se i pazienti rimangono seroreactive. Alcuni pazienti hanno recidive delle lesioni cutanee infettive di sifilide secondaria durante questo periodo. Circa un terzo dei pazienti non trattati sifilide latente vanno a sviluppare la sifilide terziaria, mentre il resto rimane asintomatica.

Attualmente, la malattia la sifilide terziaria è rara. Quando si verifica, colpisce soprattutto il sistema cardiovascolare (80-85%) e del sistema nervoso centrale (5-10%), in via di sviluppo nel corso di mesi o anni e che coinvolge lento danno infiammatorio ai tessuti. Le 3 categorie generali di sifilide terziaria sono la sifilide gommose (chiamate anche in ritardo benigna), la sifilide cardiovascolare e neurosifilide.

Neurosifilide ha diverse forme. Se la spirocheta invade il sistema nervoso centrale, risultati meningite sifilitico. La meningite sifilitica è una manifestazione precoce, di solito si verificano entro 6 mesi dalla infezione primaria. CSF mostra alto contenuto di proteine, basso livello di glucosio, elevato numero di linfociti, e sierologia positiva la sifilide.

la sifilide Meningovascular si verifica a causa di danni ai vasi sanguigni delle meningi, il cervello e il midollo spinale, portando ad infarti che causano un ampio spettro di disturbi neurologici.

Parenchimale neurosyphilis comprende tabe dorsale e paresi generale. Tabe dorsale sviluppa come le colonne posteriori e radici dorsali del midollo spinale sono danneggiati. Posteriore della colonna di valore risultati in compromessa vibrazioni e la sensazione propriocettiva, portando ad un livello di base di andatura.

Turbativa delle radici dorsali porta alla perdita del dolore e della temperatura sensazione e areflessia. I danni alle regioni corticali del cervello porta alla paralisi generale, precedentemente chiamato “paralisi generale dei pazzi”, che imita altre forme di demenza. Compromissione della memoria e del linguaggio, cambiamenti di personalità, irritabilità e sintomi psicotici sviluppare e può avanzare di demenza progressiva.

La pupilla di Argyll-Robertson, un allievo che non reagisce alla luce, ma non restringono durante la sistemazione, può essere visto in tabe dorsale e paresi generale. La posizione esatta della lesione che causa questo fenomeno è sconosciuta.

sifilide congenita

Tabe dorsale e paresi generale possono svilupparsi come negli adulti, con 8 la sordità nervo cranico e atrofia del nervo ottico, nonché una varietà di altre coinvolgimento oftalmologica che porta alla cecità essere funzionalità aggiuntive.

Vai a pediatriche Sifilide per informazioni complete su questo argomento.

Eziologia

La causa della sifilide è l’infezione con la spirocheta T pallidum.T pallidum è solo un patogeno umano e non si verifica naturalmente in altre specie. T pallidum è tuttavia stato clonato in Escherichia coli ed è stato utilizzato sperimentalmente nei conigli.

Il sesso non protetto è il principale fattore di rischio per l’acquisizione della sifilide, soprattutto tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini (MSM), che rappresentano il 83,7% di tutti i casi di sifilide negli Stati Uniti. [4]

Epidemiologia

le statistiche degli Stati Uniti

Dal report è iniziata nel 1941, l’incidenza della sifilide primaria e secondaria negli Stati Uniti è variato. L’incidenza è sceso da 66,4 casi per 100.000 nel 1947 a 3,9 casi per 100.000 nel 1956 dopo l’introduzione della penicillina.

Durante la metà degli anni 1980, tuttavia, questa tendenza si è invertita. Gli incrementi l’uso di (IV) droghe per via endovenosa e cocaina crack, lo scambio di sesso per droga, il sesso indiscriminato o anonimi, e il numero di persone con più partner sessuali ha contribuito alla svolta. Dal 1986-1990, il tasso della sifilide è quasi raddoppiato, raggiungendo un picco di 53,8 casi per 100.000 abitanti nel 1990.

Dopo il 1990, l’incidenza è diminuita di nuovo; ci sono stati 53.000 casi segnalati (11.387 casi primari e secondari) nel 1996, rispetto ai 113.000 casi (33.962 casi primari e secondari) segnalati nel 1992. Nel 2000, il numero di casi di sifilide riportato era a un livello più basso, con tassi di caduta a 2,1 casi ogni 100.000 abitanti. Una maggiore consapevolezza, lo screening aggressivo, e l’accento sulla prevenzione primaria hanno contribuito alla diminuzione.

statistiche internazionali

distribuzione per età della sifilide

Distribuzione sesso della sifilide

La prevalenza di sifilide per razza o etnia

HIV e la sifilide co-infezione

Il tasso di HIV e co-infezione da sifilide è alto. Più del 50% di MSM con la sifilide sono anche infettati con HIV, e questo numero aumenta con ogni ricorrenza. [10, 11]

Prognosi

La morbilità della sifilide spazia dai sintomi relativamente lievi delle fasi primarie di infezione per i più significativi sintomi sistemici costituzionali di sifilide secondaria e le gravi conseguenze neurologiche e cardiovascolari della malattia terziaria. Dal momento che la sifilide latente possono persistere per anni o decenni, le manifestazioni della sifilide terziaria si verificano spesso molto più tardi nella vita, causando una significativa morbilità e persino la morte, se non identificata e trattata.

La morbilità e la mortalità della sifilide non trattati devono essere stimati dai limitati dati disponibili per quanto riguarda il suo corso naturale. Questi dati sono in gran parte da uno studio retrospettivo di autopsie e due studi prospettici, in particolare il famoso Tuskegee studio della sifilide non trattata nel Negro Maschio, che cadde sotto un serio esame etico negli anni successivi per lo sfruttamento di una popolazione vulnerabile pazienti e non propone un trattamento per la malattia, quando si sono resi disponibili dopo lo studio era in corso.

Questi dati indicano che circa un terzo dei pazienti non trattata svilupperà complicazioni tardive, con il 10% del totale sviluppare la sifilide cardiovascolare; 6%, neurosifilide; e il 16%, la sifilide gommose. I tassi di mortalità in generale, sono maggiori tra le persone colpite, e complicanze tardive sembrano verificarsi più frequentemente negli uomini che nelle donne. [12, 13]

Per i pazienti con diagnosi di sifilide sia primaria o secondaria (senza uditivo / neurologico / coinvolgimento oculare), la prognosi è buona in seguito al trattamento adeguato. T pallidum rimane altamente sensibile alle penicilline, e la cura è probabile. Tra i pazienti con diagnosi di sifilide terziaria, la prognosi è meno ottimista. Venti per cento dei pazienti non trattati con Die sifilide terziaria della malattia, rendendo la sifilide una delle poche malattie sessualmente trasmissibili (SDTS) in grado di uccidere il suo ospite. Tuttavia, con il trattamento adeguato, il 90% dei pazienti con neurosyphilis hanno una risposta clinica.

Nel complesso la prognosi per la sifilide terziaria dipende dal grado di cicatrici e danni ai tessuti, come gli arresti di trattamento danni e infiammazione ulteriormente, ma non in grado di invertire precedente danni ai tessuti. Ad esempio, la prognosi o la malattia sintomatica avanzata nella sifilide cardiovascolare è scarsa. Al contrario, gummas sifilitici in genere si risolvono prontamente con la penicillina ad alte dosi.

Educazione del paziente

I pazienti che abusano di IV farmaci dovrebbero essere avvertiti di evitare la condivisione di aghi e di utilizzare aghi puliti. programmi di scambio di aghi sono in atto in alcune aree; tuttavia, l’istituzione e l’esistenza di questi programmi rimangono controversi in molte comunità.

E ‘anche importante sottolineare ai pazienti l’importanza del rispetto delle loro intero corso di antibiotici e le visite di follow-up.

Come per tutte le malattie sessualmente trasmissibili, l’educazione del paziente deve sottolineare l’importanza di pratiche sessuali più sicure e la necessità di una valutazione medica tempestiva di ulcere e altri sintomi di malattie sessualmente trasmissibili. Tutti i pazienti con diagnosi di un STD dovrebbero essere sottoposti a screening per l’infezione da HIV. Tutti CSM che test positivo per la sifilide dovrebbe essere considerata a rischio per l’HIV se non è già infetto e deve essere mirato per intensivi interventi di prevenzione HIV con la profilassi pre-esposizione (PrEP).

I pazienti con la sifilide devono essere informati di notificare i loro partner di infezione e per informarli della necessità di trattare. Informazioni riguardanti la gestione dei partner sessuali infettati con la sifilide può essere trovato sul sito Web di CDC.

Per informazioni educazione del paziente, vedere la malattie sessualmente trasmissibili Center e Gravidanza e Reproduction Center, così come le malattie sessualmente trasmissibili, la sifilide, Birth Control Panoramica e domande frequenti controllo delle nascite.

Storia

I medici devono mantenere un alto indice di sospetto per la diagnosi della sifilide, come le manifestazioni della sifilide (in particolare sifilide avanzato) non sono specifici e possono mascherarsi come molte altre malattie. attenzione rigorosa per l’andamento nel tempo dei sintomi è necessario per una corretta messa in scena. Ottenere una storia sessuale e sociale completo, compreso il numero di partner sessuali, l’uso del preservativo, la storia di malattie a trasmissione sessuale nel paziente ei loro partner, per via endovenosa (IV) l’uso di droghe, e l’esposizione a prodotti derivati ​​dal sangue.

Nei bambini e neonati, cercare una storia materna, storia di esposizione a persone con la sifilide o emoderivati, e una storia di abuso sessuale.

sifilide primaria

sifilide primaria si verifica 10-90 giorni dopo il contatto con un individuo infetto. Si manifesta principalmente sulle glande nei maschi e sulla vulva o della cervice nelle femmine. Dieci per cento delle lesioni sifilitiche si trovano ai ano, dita, orofaringe, lingua, capezzoli, o altri siti extragenitali. nontender linfoadenopatia regionale segue invasione.

Le lesioni (ulcere) cominciano solitamente come solitari, ha sollevato, società, papule rosse che possono essere diversi centimetri di diametro. L’ulcera erode per creare un cratere ulcerosa all’interno della papula, con i bordi leggermente elevati in tutto il ulcera centrale (vedi le immagini qui sotto). Di solito guarisce entro 4-8 settimane, con o senza terapia.

Sifilide. Queste fotografie ritraggono l’ulcera caratteristiche osservate nella sifilide primaria. Utilizzato con il permesso di Saggezza (sinistra) A. Color Atlas of.

Considerazioni approccio

T pallidum non può essere coltivato in vitro ed è troppo piccolo per essere visto sotto il microscopio ottico. test sierologico è considerato il metodo standard di rilevazione per tutte le fasi della sifilide. (Si noti, tuttavia, che i test sierologici non può essere utilizzato per differenziare le diverse specie di esempio-famiglia per treponema, framboesia.)

In sospetta la sifilide acquisita, l’approccio tradizionale è stato quello di eseguire la prima proiezione sierologia non treponemico usando il Disease Laboratory veneree Research (VDRL), rapida reagin plasma (RPR), o ICE recentemente sviluppato sifilide test dell’antigene ricombinante.

La sensibilità del test VDRL e RPR sono stimati a 78-86% per la rilevazione di sifilide primaria, 100% per la rilevazione la sifilide secondaria, e il 95-98% per la rilevazione di sifilide terziaria. Specificità varia 85-99% e può essere ridotto in individui che hanno condizioni coesistenti (ad esempio, malattie vascolari del collageno, la gravidanza, l’uso di droghe per via endovenosa, neoplasia avanzata, la tubercolosi, la malaria, virali e le malattie rickettsie). [18]

VDRL risultati dei test svolta positiva 1-2 settimane dopo la formazione ulcera. test treponemici solito diventano non reattivo con il tempo dopo il trattamento. I valori sierologia nei pazienti con infezione da HIV può richiedere più tempo a scendere rispetto ai pazienti senza infezione da HIV. In alcuni pazienti, gli anticorpi non treponemici possono persistere, a volte per tutta la vita, un condizionati denominato “serofast.” [19]

A causa della possibilità di risultati falsi positivi, la conferma di un risultato positivo o dubbio di prova non treponemico dovrebbe seguire con un test treponemico, come la fluorescenza treponemico anticorpi-assorbimento (FTA-ABS), saggio di microemoagglutinazione T pallidum (MHA-TP), T pallidum emoagglutinazione (TPHA), e T pallidum agglutinazione di particelle (TPPA) test. [20, 21] Treponema immuno-enzimatico (EIA) per immunoglobuline G (IgG) e immunoglobuline M (IgM) può essere eseguita.

FTA-ABS è comunemente usato come test di conferma seguente risultati VDRL o RPR di test positivi. FTA-ABS ha una sensibilità del 84% per la rilevazione di infezione da sifilide primaria e la sensibilità quasi il 100% per la rilevazione di infezione da sifilide in altre fasi. La sua specificità è del 96%. [18]

Darkfield microscopia rappresenta una possibile modalità di valutazione lesioni cutanee umide, come l’ulcera di sifilide primaria o lata condilomi della sifilide secondaria. Se darkfield microscopia non è disponibile, immunofluorescenza diretta di strisci fisse (immunofluorescenza diretta T pallidum [DFA-TP]) è un’opzione. Entrambe le procedure rilevano l’organismo responsabile a un tasso di circa il 85-92%.

esame con lampada a fessura e la valutazione oftalmica possono essere utilizzate per distinguere tra la sifilide acquisite e congenite (presenza di cheratite interstiziale) in pazienti con infezione latente di durata incerta.

La diagnosi di neurosifilide può essere impegnativo. Il test VDRL per CSF (VDRL-CSF) è altamente specifico, ma ha una bassa sensibilità. Pertanto, la diagnosi di neurosifilide solito dipende da una combinazione di conta cellulare CSF, proteine ​​CSF e manifestazioni cliniche con o senza reattiva VDRL-CSF. Alcuni specialisti raccomandano di eseguire un test FTA-ABS su CSF. Il CSF FTA-ABS è meno specifico per neurosifilide rispetto alla VDRL-CSF, ma è altamente sensibile. Un risultato negativo del test CSF FTA-ABS esclude efficacemente neurosifilide. [23]

I pazienti con infezioni da sifilide confermate dovrebbero essere testati per altre malattie sessualmente trasmissibili, tra cui l’infezione da HIV. Se il test HIV è negativo, il paziente deve essere rianalizzato per l’HIV in 3 mesi se non in aree a bassa prevalenza di HIV. [19]

La diagnosi della sifilide in donne in gravidanza

Gli Stati Uniti Preventive Services Task Force (USPSTF) ha ribadito la sua raccomandazione per lo screening di tutte le donne in gravidanza per l’infezione da sifilide alla prima visita prenatale. le donne ad alto rischio (ad esempio, le donne non assicurati, le donne che vivono in povertà, i lavoratori del sesso, consumatori di droghe illegali, quelli con altre malattie sessualmente trasmissibili, quelli che vivono in comunità con alta morbilità sifilide) dovrebbero essere testati nel terzo trimestre e al momento del parto.

Se i risultati del test sono positivi per la sifilide, il trattamento di scelta è parenterale benzatina penicillina G. dosaggio e la durata del trattamento dipendono dallo stadio e manifestazioni cliniche della malattia. [24]

Per le linee guida CDC, ogni donna che trasporta un bambino nato morto dopo la gestazione di 20 settimane dovrebbe essere testato per la sifilide. Nessun bambino dovrebbe lasciare l’ospedale senza lo stato sierologico materno essendo stato stimato almeno una volta durante la gravidanza.

La diagnosi di sifilide congenita

Considerare la sifilide congenita e abusi sessuali in tutti i bambini che si presentano con la sifilide.

La maggior parte dei bambini con la sifilide congenita sono nati da madri con la sifilide, che non sono stati trattati durante la gravidanza o trattati troppo tardi durante la gravidanza. test treponemici (vale a dire, TPPA, FTA-ABS, EIA, CIA) utilizzando siero neonatale non sono raccomandato a causa di trasferimento passivo di anticorpi IgG, che reagiscono con i reagenti in questi test. Tutti i bambini nati da madri con la sifilide dovrebbero essere valutati con un test sierologico non treponemico quantitativa (RPR o VDRL) eseguita utilizzando siero del neonato.

Provata o altamente probabile la sifilide congenita

Provata o la sifilide congenita molto probabilmente è definito come uno qualsiasi dei seguenti:

risultati dell’esame fisico anormali che sono coerenti con la sifilide congenita

Un siero quantitativa non treponemico sierologica titolo che è quattro volte superiore a quella del titolo della madre

Un risultato positivo o campo scuro PCR positivo risultato utilizzando lesioni o fluidi corporei (s)

La valutazione raccomandato provata o altamente probabile la sifilide congenita include quanto segue:

analisi CSF per VDRL, conta delle cellule e proteine

Completa delle cellule del sangue (CBC) conta con differenziale e conta piastrinica

Altri test come clinicamente indicato (ad esempio, la radiografia delle ossa lunghe, la radiografia del torace, test di funzionalità epatica, neuroimaging, esame oftalmologico, e la risposta del tronco cerebrale uditivo)

Possibile la sifilide congenita

sifilide congenita dovrebbero essere considerati possibili in qualsiasi neonato che ha normali risultati esame fisico e un siero non treponemico quantitativa sierologica titolo pari o inferiore a quattro volte il titolo materno in aggiunta a uno dei seguenti:

La mamma non è stata trattata, trattata in modo inadeguato, o non ha la documentazione di aver ricevuto un trattamento

Madre è stata trattata con eritromicina o un regime diverso da quelli raccomandati in queste linee guida (per esempio, un regime di G non penicillina)

Madre ha ricevuto trattamento raccomandato meno di 4 settimane prima del parto

La valutazione raccomandato possibile sifilide congenita è la seguente:

analisi CSF per VDRL, conta delle cellule e proteine

conteggio CBC, differenziale e conta piastrinica

Meno probabile-sifilide congenita

la sifilide congenita è considerata meno probabile, in ogni neonato che ha normali risultati esame fisico e un siero non treponemico quantitativa sierologica titolo pari o inferiore a quattro volte il titolo materna e entrambe le seguenti:

Madre non ha prove di reinfezione o recidiva

Nessuna valutazione è raccomandato in questi casi.

Improbabile la sifilide congenita

la sifilide congenita è ritenuto improbabile in ogni neonato che ha normali risultati esame fisico e un siero non treponemico quantitativa sierologica titolo pari o inferiore a quattro volte il titolo materna e entrambe le seguenti:

trattamento della mamma era adeguata prima della gravidanza

treponemico titolo sierologico della mamma è rimasta bassa e stabile (ad esempio, serofast) prima e durante la gravidanza e al momento del parto (VDRL lt; 1: 2; RPR lt; 1: 4)

Nessuna valutazione è raccomandato in questi casi.

Gli studi di imaging

Studi di imaging devono essere eseguiti in base al sistema di organi coinvolti. Ad esempio, la malattia granulomatosa del fegato può essere visto sul tomografia computerizzata (CT) dell’addome.

Ottenere radiografia del torace nei pazienti con sifilide terziaria per lo screening per la dilatazione aortica. calcificazioni lineare dell’aorta ascendente sui film del torace suggerisce asintomatica aortite sifilitico. Radiologici risultati anomali comunemente visto con gummas avanzate di osso includono periostite, osteiti distruttiva, o sclerosante osteiti.

L’angiografia può essere utile distinguere tra aneurismi addominali di sifilitico rispetto origine arteriosclerotica. Circa il 10% degli aneurismi sifilitici si verificano superiore alle arterie renali, mentre arteriosclerotiche aneurismi addominali di solito si trovano inferiori alle arterie renali.

Puntura lombare

Le attuali linee guida stabiliscono che i medici dovrebbero valutare CSF nei pazienti con sifilide in ritardo latente se il trattamento fallisce o se neurologici o oculari sintomi sono presenti. E ‘indicato anche se ci sono altri cambiamenti indicativi della sifilide terziaria (per esempio, Gumma, aortite).

L’esame del liquor dovrebbe includere il test VDRL, conteggio delle cellule, e il livello di proteine. Anomalie di una qualsiasi di queste misure combinate con una storia suggestiva e l’esame indicano chiaramente la presenza di neurosifilide. Un risultato positivo VDRL è altamente sensibile per la sifilide attivi. Tra le persone con infezione da HIV e la sifilide attivi, il conteggio dei leucociti CSF è solitamente elevato (gt; 5 leucociti / mL), quindi più di 20 cellule / ml devono essere considerati positivi. [19]

I risultati istologici

La lesione primaria della sifilide è un ‘ulcera. Istologicamente, pelle e lesioni della mucosa mostrano un perivascolare e infiltrato perijunctional di linfociti, plasmacellule e macrofagi. A volte, capillare proliferazione endoteliale e conseguente obliterazione dei piccoli vasi sanguigni possono essere apprezzabile. erosione o ulcerazione focale è comune.

Lues ematossilina ed eosina. L’esame istopatologico mostra un infiltrato lichenoide che è stereotipata della fase secondaria della sifilide.

Un piccolo numero di neutrofili possono essere inclusi nel infiltrato perijunctional e neutrofili possono anche essere presenti in una sovrastante strato corneo espanso. Gli organismi sono facilmente dimostrabili con T pallidum colorazione dell’immunoperossidasi durante la fase secondaria (vedi immagine sotto).

Lues TP macchia. colorazione immunoperossidasi per T pallidum mette in luce molti organismi arrotolati sottili che risiedono nella zona di perijunctional. Di tanto in tanto, o.

Aortite rivela cicatrici infiammatoria del tunica media, secondaria a endoarterite obliterante del vasa vasorum. perdita irregolare del mediale fibre elastiche e cellule muscolari può essere evidente.

Considerazioni approccio

Principi chiave per la cura della sifilide sono i seguenti: [25]

La penicillina è il farmaco di scelta per il trattamento della sifilide.

Doxiciclina è la migliore alternativa per il trattamento precoce e tardiva sifilide latente. Sifilide associata ad infezione da HIV non richiede alcuna terapia antimicrobica migliorata.

L’eccezione a questo è nel caso di donne in gravidanza, in cui non vi è alcun margine di manovra per perdere una dose di penicillina.

Ci sono prove che un intervallo di 7-9 giorni tra le dosi può produrre risultati migliori.

test CSF per rilevare neurosifilide è fortemente raccomandato nei pazienti con sifilide terziaria o con segni o sintomi compatibili con neurosifilide neurologiche e nei pazienti senza sintomi cui titoli sierologici non rifiutare in modo appropriato dopo essere stati trattati con la terapia consigliata.

tassi di reinfezione tra CSM sono alti, così si raccomanda frequenti test sierologici in questo gruppo.

CDC raccomanda l’utilizzo dell’algoritmo di screening RPR-based. Quando c’è un basso rischio epidemiologico o probabilità clinica della sifilide, il valore predittivo positivo di un caso isolato non confermato reattiva prova treponemico chemioluminescenza o immuno-enzimatico è basso.

Terapia antibiotica

Penicillina

I seguenti regimi sono raccomandati per il trattamento di penicillina:

Primaria o secondaria sifilide – Benzathine penicillina G 2,4 milioni di unità per via intramuscolare (IM) in una singola dose

All’inizio latente sifilide – Benzathine penicillina G 2,4 milioni di unità IM in un’unica dose

Si raccomanda un trattamento adeguato alla fase della sifilide – Gravidanza.

I medici dovrebbero essere consapevoli del fatto che solo Benzathine prodotto penicillina (Bicillin L-A) è consentito, non benzatina-procaina penicillina (Bicillin C-R). Inoltre, la penicillina orale è mai appropriato per il trattamento della sifilide.

Se il paziente arriva in ritardo per le dosi successive, l’esperienza clinica suggerisce che un intervallo di 10-14 giorni tra le dosi di benzatina penicillina per la sifilide latente potrebbe essere accettabile prima di riavviare la sequenza di iniezioni; Tuttavia, secondo la farmacocinetica / farmacodinamica, un intervallo di 7-9 giorni tra le dosi è più ottimale. [29, 30, 31] In gravidanza, perse le dosi non sono accettabili. i pazienti in stato di gravidanza deve ripetere l’intero corso della terapia. [32]

Nei pazienti con una storia di allergia alla penicillina, la desensibilizzazione può essere necessario in caso di gravidanza, neurosifilide, la sifilide congenita, o sifilide terziaria.

Alternative alla penicillina

Tetraciclina, eritromicina, e ceftriaxone [33] hanno mostrato un’attività antitreponemici in studi clinici; tuttavia, che attualmente sono raccomandati solo come regimi di trattamento alternativi in ​​pazienti allergici alla penicillina. Una prova dai 10 ai 14 giorni di ceftriaxone è efficace per il trattamento di sifilide precoce, anche se la dose ottimale e la durata non sono state stabilite. Doxiciclina e tetraciclina per 28 giorni sono stati utilizzati per molti anni e sono le uniche alternative accettabili alla penicillina per il trattamento della sifilide latente. Doxiciclina è l’alternativa preferita alla penicillina per la sua tollerabilità. [26]

reazione Jarisch-Herxheimer

Dopo l’inizio del trattamento, i treponemi morenti rilasciano molecole infiammatorie che innescano una cascata di citochine che possano portare ad una risposta nota come la reazione Jarisch-Herxheimer. I sintomi includono mialgie, febbre, cefalea e tachicardia, a volte con esacerbazione di qualunque lesioni sifilitiche attuali si manifestano (per esempio, rash o ulcera).

La reazione è comune, si sviluppa entro alcune ore dopo l’inizio del trattamento antibiotico, e di solito cancella entro 24 ore dopo l’insorgenza. La sua esatta eziologia non è chiara, anche se può essere causa di una reazione immunologica alla rottura di spirochete.

tossicità procaina

Rianimazione e terapia di supporto sono necessari nei casi più gravi; tuttavia, la maggior parte delle reazioni sono lievi, che richiede solo rassicurazione o di sollievo sintomatico. I sintomi di solito dissipare entro 30 minuti.

cure chirurgiche

cura chirurgica è riservata per il trattamento delle complicanze della sifilide terziaria (per esempio, la sostituzione della valvola aortica).

La prevenzione della sifilide

L’obiettivo primario della prevenzione è quello di limitare la diffusione della sifilide. Ciò comporta i pazienti di consulenza di utilizzare pratiche di sesso sicuro e pazienti che abusano di consulenza per via endovenosa (IV) farmaci per non condividere aghi e di utilizzare aghi puliti. Notifica e il trattamento di partner sessuali e partner di droga esposti sono di primaria importanza. Prevenzione significa anche educare gli operatori sanitari ad usare precauzioni universali quando si trattano tutti i pazienti.

trattamento empirico con una dose di penicillina G benzatina 2,4 milioni di unità per via intramuscolare (IM) è consigliato in tutti i pazienti che hanno avuto rapporti sessuali con un partner che ha testato positivo per la sifilide latente primaria, secondaria, o all’inizio entro i 90 giorni precedenti. [19]

Studi di screening primario per la sifilide in cliniche e reparti di emergenza sono favorevoli per lo screening ad alto rischio, le popolazioni urbane. Lo screening di routine è raccomandato per tutte le madri a rischio.

consultazioni

La consultazione con uno specialista di malattie infettive può essere richiesto per i casi difficili o complessi di sifilide. Consultare un dermatologo, chirurgo vascolare, oculista, neurologo o dovrebbe anche essere ottenuto, se necessario, per aiutare con le presentazioni variabili della sifilide.

Inoltre, il CDC, l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), e Morbilità e mortalità Weekly Report (MMWR) sono ottimi riferimenti aggiornati. La sifilide può essere oggetto di informativa alle autorità sanitarie pubbliche in alcune giurisdizioni.

A lungo termine di monitoraggio

Monitorare i pazienti affetti da sifilide al fine di garantire l’adeguatezza del trattamento. I pazienti affetti da sifilide precoce devono essere monitorati con ripetizione RPR o VDRL ad intervalli di 6 e 12 mesi. I pazienti con infezione da HIV e pazienti trattati con un regime nonpenicillin dovrebbero essere visti a 3, 6, 9 e 12 mesi. I pazienti affetti da sifilide latente devono essere monitorati con RPR o VDRL ad intervalli di 6, 12, e 24 mesi.

In generale, la terapia è considerata un fallimento se i segni ed i sintomi di ritorno sifilide o non riescono a migliorare. Ciò si verifica quando il titolo delle treponemici aumenta di prova di 4 volte o una diminuzione di 4 volte dal titolo VDRL iniziale non si verifica entro 1 anno.

Tuttavia, i criteri chiaramente definiti per quanto riguarda il fallimento del trattamento sono carenti. Nella loro revisione della letteratura, Augenbraun e Rolfs ha scoperto che il 15-25% dei pazienti trattati per la sifilide non hanno una diminuzione di 4 volte nei titoli nel corso di un periodo di 3 mesi, e alcuni non hanno una diminuzione per 6 mesi o più. [39] Mancano informazioni sulla se questi pazienti sono a maggior rischio per la progressione. Attualmente le linee guida accettate sono le seguenti:

Qualsiasi ricomparsa dei sintomi è definita come una recidiva.

Più di un incremento a doppia diluizione (ad esempio, un aumento del titolo di 4 volte) nei test sierologici è una ricaduta.

I pazienti affetti da sifilide latente che hanno inizialmente alti titoli (≥1: 32) e di rifiuto di avere un calo a doppia diluizione (declino titolo di 4 volte) 12-24 mesi dopo la terapia devono essere rivalutati per neurosyphilis ed eventuale ritrattamento.

Alcuni risultati dei test treponemico possono rimanere positivo per tutta la vita, nonostante il trattamento efficace. Gli individui in questa circostanza richiedono documentazione adeguata al fine di evitare inutili ritrattamento.

Sorvegliare ritrattamento per garantire la conformità.

Raccomandazioni per specifici sottogruppi di pazienti sono i seguenti.

I pazienti affetti da sifilide primaria o secondaria trattati

I pazienti trattati per la sifilide primaria e secondaria dovrebbero avere test VDRL follow-up a 6, e 12 mesi dopo il trattamento. I pazienti con infezione da HIV devono essere monitorati a 3, 6, 9, e 12 mesi, in quanto sono noti per avere una più rapida progressione della malattia. La maggior parte dei pazienti affetti da sifilide primaria che sono trattati adeguatamente avere una VDRL non reattivo entro 1 anno, e quasi tutti i pazienti trattati per la sifilide secondaria avere un risultato negativo VDRL entro 2 anni. Una piccola minoranza di pazienti sieropositivi rimangono nonostante il successo del trattamento. Se tutti gli esami clinici e sierologici restano soddisfacenti per 2 anni dopo il trattamento, il paziente può essere rassicurato che la cura è completa, e non è necessario un ulteriore follow-up.

I pazienti affetti da sifilide latente

Eseguire test RPR / VDRL quantitativa per un massimo di 2 anni. Programmare visite annuali di follow-up per un periodo indefinito di tempo per i pazienti con test sierologici persistentemente positivi.

I pazienti con la sifilide terziaria o cardiovascolare benigna

I pazienti con neurosyphilis

I pazienti con neurosyphilis devono avere un follow-up a intervalli di 6 mesi per almeno 3 anni, con esami fisici, valutazione del QCS (per esempio, numero di cellule, proteine, VDRL), e sierologici test.

Vai a Neurosifilide per informazioni complete su questo argomento.

pazienti in gravidanza con la sifilide

Le donne in gravidanza trattate per la sifilide dovrebbe avere test VDRL mensile per tutta la durata della gravidanza.

Sommario farmaco

In rare occasioni, T pallidum è stato trovato a persistere dopo la terapia di penicillina adeguata; Tuttavia, nessuna indicazione che T pallidum ha acquisito resistenza al farmaco.

Secondo i Centers for Disease Control and Prevention (CDC, vedi le attuali raccomandazioni CDC), pazienti con accertate allergie penicillina devono essere sottoposti penicillina allergia test cutanei e la penicillina desensibilizzazione, se necessario. [40]

Alternative alla penicillina

Da T pallidum la resistenza alla penicillina non è emersa, la necessità primaria per farmaci alternativi nel trattamento della sifilide è riservato ai pazienti allergici alla penicillina.

I ricercatori stanno studiando l’efficacia di ceftriaxone e azitromicina nel trattamento della sifilide. Central penetrazione del sistema nervoso (CNS) e la sua somiglianza alla penicillina supportano l’uso di ceftriaxone nel trattamento della sifilide. Gli studi sono attualmente inconcludenti, e le linee guida CDC né aderire né smentiscono il suo utilizzo. Considerati i dati limitati a disposizione per sostenere la sua efficacia, la prudenza impone un corso da 5 a 7 giorni di trattamento per la sifilide precoce.

La lunga emivita di azitromicina e la sua efficacia clinica in vitro contro la sifilide supportano suo uso nel trattamento sifilide precoce. Allo stato attuale, tuttavia, i dati clinici restano insufficienti per raccomandarne l’uso, e la diffusa resistenza limita l’utilizzo in molti settori (soprattutto nel Pacifico nord-occidentale).

Doxiciclina può essere un’opzione per i pazienti che rifiutano la terapia parenterale o che hanno allergia alla penicillina.

Penicillina G benzatina (Bicillin L-A)

Contesto clinico: Benzathine penicillina G è l’agente di prima linea per infezione da sifilide primaria e secondaria. È un spirocheticide con l’attività in vivo contro T pallidum. Interferisce con la sintesi mucopeptide parete cellulare durante la replica.

Penicillina G procaina

Contesto clinico: Penicillina G procaina è l’agente di prima linea per il trattamento della sifilide in ritardo latente.

Doxiciclina (Doryx, Vibramycin)

Tetraciclina (Sumycin)

Eritromicina (E.E.S. E-Mycin)

Ceftriaxone (Rocephin)

Azitromicina (Zithromax)

Sommario Class

terapia antimicrobica empirica deve essere globale e dovrebbe coprire tutti gli agenti patogeni probabili nel contesto del contesto clinico.

probenecid

Sommario Class

Agenti uricosurici sono utilizzati per aumentare la concentrazione sierica di alcuni antibiotici e altri farmaci.

Autore

Pranatharthi Haran Chandrasekar, MBBS, MD, Professore, Direttore di Malattie Infettive, Direttore del Programma di Malattie Infettive Fellowship, Dipartimento di Medicina Interna, Wayne State University School of Medicine

Disclosure: nulla da rivelare.

Coautore (s)

Disclosure: nulla da rivelare.

Editors speciali

Francisco Talavera, PharmD, PhD, Adjunct Assistant Professor, University of Nebraska Medical Center College of Pharmacy; Editor-in-Chief, Medscape Drug Reference

Disclosure: Ricevuto stipendio da Medscape per l’occupazione. per: Medscape.

John L Brusch, MD, FACP, Assistente professore di medicina alla Harvard Medical School; Consulenza del personale, Dipartimento di Medicina e infettive Malattie servizio, Cambridge Health Alliance

Disclosure: nulla da rivelare.

Caporedattore

Michael Stuart bronzo, MD, David Ross Boyd Professore e Direttore del Dipartimento di Medicina, Stewart G Lupo sedia dotata in Medicina Interna, Dipartimento di Medicina, Università di Oklahoma Health Science Center; Maestro della American College of Physicians; Compagni, Infectious Diseases Society of America

Disclosure: nulla da rivelare.

Hanno contribuito aggiuntive

Brian Euerle, MD, FACEP, Professore Associato, Dipartimento di Medicina d’emergenza, direttore di Emergency Ultrasound Programma, Università del Maryland School of Medicine

Disclosure: nulla da rivelare.

Daniel J Hogan, MD, Professore Clinico di Medicina Interna (Dermatologia), Nova Southeastern University College of Osteopathic Medicine; Investigator, Hill Top Research, Florida Research Center

Disclosure: nulla da rivelare.

Daniel R Lucey, MD, MPH, MD, MPH,

Disclosure: nulla da rivelare.

Eric L Weiss, MD, DTM&H, Direttore Medico, Ufficio del servizio Continuity e Disaster Planning, Compagnia Direttore, Stanford University Medical Center Disaster Medicine Fellowship, Presidente, SUMC e LPCH Bioterrorism e preparazione di emergenza Task Force, Clinica Professore Associato, Dipartimento di Chirurgia (medicina d’urgenza), Stanford University Medical Center

Disclosure: nulla da rivelare.

Joseph J Sachter, MD, FACEP, Consulenza del personale, Dipartimento di Medicina di Emergenza, Muhlenberg Regional Medical Center

Disclosure: nulla da rivelare.

Maria M Diaz, MD, Personale Medico, Dipartimento di Medicina d’emergenza, Parco naturale Medical Center

Disclosure: nulla da rivelare.

Paul Krusinski, MD, Direttore di Dermatologia, Fletcher Allen Health Care; Professore, Dipartimento di Medicina Interna, University of Vermont College of Medicine

Disclosure: nulla da rivelare.

Richard H Sinert, DO, Professore di Medicina d’emergenza, Assistant Professor di Medicina Clinica, Research Director, State University di New York College of Medicine; Consulenza personale, vicepresidente responsabile della ricerca, Dipartimento di Medicina di Emergenza, Kings County Hospital Center

Disclosure: nulla da rivelare.

Richard P Vinson, MD, Assistant Professor Clinica, Dipartimento di Dermatologia, Texas Tech University Health Sciences Center, Paul L Foster School of Medicine; Consulenza personale, Mountain View Dermatologia, PA

Disclosure: nulla da rivelare.

Timothy McCalmont, MD, Direttore, UCSF Servizio Dermatopatologia, Professore di Patologia Clinica e Dermatologia, Dipartimento di Patologia e Dermatologia, Università della California a San Francisco; Editor-in-Chief, Journal of Pathology cutanea

Disclosure: Ricevuto di consulenza a pagamento da Apsara per contraente indipendente.

Riferimenti

  1. Cox DL, Chang P, McDowall AW, Radolf JD. La membrana esterna, non è una mano di proteine ​​ospite, limita antigenicità di virulenta Treponema pallidum. Infect Immun. 1992 marzo 60 (3): 1076-1083. [Visualizza Abstract]
  2. Fitzgerald TJ. L’opzione / Th2-like Th1 nell’infezione da sifilide: è dannoso. Infect Immun. 1992 settembre 60 (9): 3475-9. [Visualizza Abstract]
  3. Bowen V, Su J, Torrone E, Kidd S, Weinstock H. aumento di incidenza di sifilide congenita – Stati Uniti, 2012-2014. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2015 Novembre 13. 64: 1241-5. [Visualizza Abstract]
  4. Patton ME, Su JR, Nelson R, H Weinstock, centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (CDC). sifilide primaria e secondaria – Stati Uniti, 2005-2013. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2014 9 maggio 63 (18): 402-6. [Visualizza Abstract]
  5. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Malattia a trasmissione sessuale Sorveglianza 2007 Supplemento, rapporto di sorveglianza sifilide. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Disponibile a http://www.cdc.gov/std/Syphilis2007/. Accessed: April 14.
  6. CDC. sifilide primaria e secondaria – Stati Uniti, 2003-2004. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2006 Mar 17. 55 (10): 269-73. [Visualizza Abstract]
  7. Organizzazione mondiale della Sanità. prevalenza globale e l’incidenza di infezioni trasmesse sessualmente curabili selezionati: Panoramica e stime. Ginevra: 2001.
  8. Akovbian VA, MA Gomberg, Prokhorenkov VI. vignette Sifilitica dalla Russia. Dermatol Clin. 16 ottobre 1998 (4): 687-90, x. [Visualizza Abstract]
  9. prevenzione dell’HIV attraverso la diagnosi precoce e il trattamento di altre malattie sessualmente trasmissibili – Stati Uniti. Raccomandazioni del Comitato consultivo per l’HIV e MST prevenzione. MMWR Raccom Rep. 1998 Luglio 31. RR-12: 1-24. [Visualizza Abstract]
  10. Cooley LA1, Pearl ML, Flynn C, Ross C, Hart-Cooper G, Elmore K, et al. Basso soppressione virale e ad alto tasso di diagnosi di HIV tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con gli uomini affetti da sifilide – Baltimora, Maryland. Sex Transm Dis. 2015 Aprile 42 (4): 226-31. [Visualizza Abstract]
  11. Su JR, Weinstock H. Epidemiologia di co-infezione da HIV e la sifilide in 34 stati, negli Stati Uniti del 2009. Atti del Convegno 2011 National HIV Prevention, 13-17 agosto 2011 .
  12. HARRISON LW. Lo studio di Oslo del trattato la sifilide, la revisione e il commento. Br J Vener Dis. . 1956 giugno 32 (2): 70-8. [Visualizza Abstract]
  13. ROCKWELL DH, fannulloni AR, MOORE MB Jr. Tuskegee STUDIO DELLA sifilide non trattata; IL 30 ° anno di osservazione. Arch Intern Med. 1964 Dicembre 114: 792-8. [Visualizza Abstract]
  14. McClure EM, Goldenberg RL. Infezione e nati morti. Semin Fetal Neonatal Med. 2009 Aug. 14 (4): 182-9. [Visualizza Abstract]
  15. Kupka R, Kassaye T, Saathoff E, Hertzmark E, Msamanga GI, Fawzi WW. Predittori di nati morti tra le donne della Tanzania con infezione da HIV. Acta Obstet Gynecol Scand. 2009. 88 (5): 584-92. [Visualizza Abstract]
  16. Dismukes WE, Delgado DG, Mallernee SV, Myers TC. malattia ossea distruttiva nella sifilide precoce. JAMA. 1976 Dicembre 6. 236 (23): 2646-8. [Visualizza Abstract]
  17. Sule RR, Deshpande SG, Dharmadhikari NJ, Joshi VR. Sifilide cutanee in ritardo. Cute. 1997 marzo 59 (3): 135-7. [Visualizza Abstract]
  18. [Linee guida] Stati Uniti Preventive Services Task Force. Lo screening per sifilide infezione. Dichiarazione di raccomandazione. Del 2004.
  19. Workowski KA, Bolan GA. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale Malattie Linee guida di trattamento. MMWR. 5 giugno 2015. 64 (RR3): 1-137.
  20. Schmid GP. screening sierologico per la sifilide. Razionale, costi e realpolitik. Sex Transm Dis. 1996 Jan-febbraio 23 (1): 45-50. [Visualizza Abstract]
  21. Giovani H. sifilide. Sierologia. Dermatol Clin. 1998 16 di ott (4): 691-8. [Visualizza Abstract]
  22. Binnicker MJ, Jespersen DJ, Rollins LO. Confronto diretto degli algoritmi di screening sifilide tradizionali e invertire in una popolazione con una bassa prevalenza di sifilide. J Clin Microbiol. 2012 Gennaio 50 (1): 148-50. [Visualizza Abstract]
  23. [Linee guida] Workowski KA, Berman SM. Sessualmente trasmesse linee guida sul trattamento delle malattie, 2006. MMWR Raccom Rep. 2006 agosto 4. 55: 1-94. [Visualizza Abstract]
  24. Stati Uniti Preventive Services Task Force. Lo screening per infezione da sifilide in gravidanza: Stati Uniti preventiva dichiarazione raccomandazione riaffermazione Services Task Force. Ann Intern Med. 2009 Maggio 19. 150 (10): 705-9. [Visualizza Abstract]
  25. Ghanem KG. Gestione della sifilide Adulti: Domande chiave per informare il 2015 Centers for Disease Control and Prevention Malattie Sessualmente Trasmesse linee guida di trattamento. Clin Infect Dis. 2015 Dicembre 15. 61 Suppl 8: S818-36. [Visualizza Abstract]
  26. [Linee guida] Workowski KA, Berman S. sessualmente trasmesse linee guida sul trattamento delle malattie, 2010. MMWR Raccom Rep. 2010 Dec 17. 59: 1-110. [Visualizza Abstract]
  27. Ghanem KG, Workowski KA. Gestione della sifilide adulti. Clin Infect Dis. 2011 Dicembre 53 Suppl 3: S110-28. [Visualizza Abstract]
  28. Fiumara NJ. Trattamento di sifilide primaria e secondaria. risposta sierologica. JAMA. 1980 Giugno 27. 243 (24): 2500-2. [Visualizza Abstract]
  29. Collart P, Poitevin M, Milovanovic A, Herlin A, studio Durel J. cinetica di concentrazioni sieriche di penicillina dopo singole dosi di benzatina e benethamine penicilline nelle persone giovani e meno giovani. Br J Vener Dis. 1980 dicembre 56 (6): 355-62. [Visualizza Abstract]
  30. Hagdrup HK, Lange Wantzin G, Secher L, Rosdahl VT. Le concentrazioni di penicillina nel siero seguenti iniezioni settimanali di benzatina penicillina G. Chemioterapia. 1986. 32 (2): 99-101. [Visualizza Abstract]
  31. Frentz G, Nielsen PB, Espersen F, Czartoryski A, le concentrazioni Aastrup H. penicillina nel sangue e nel liquido spinale dopo una singola iniezione intramuscolare di penicillina G benzatina. Eur J Clin Microbiol. 3 aprile 1984 (2): 147-9. [Visualizza Abstract]
  32. Nathan L, Bawdon RE, Sidawi JE, Stettler RW, McIntire DM, i livelli di Wendel GD Jr. penicillina in seguito alla somministrazione di benzatina penicillina G in gravidanza. Obstet Gynecol. 1993 Settembre 82 (3): 338-42. [Visualizza Abstract]
  33. Augenbraun M, la terapia Workowski K. Ceftriaxone per la sifilide: relazione della rete di infezioni emergenti. Clin Infect Dis. 29 novembre 1999 (5): 1337-8. [Visualizza Abstract]
  34. Bai ZG, Yang KH, Liu YL, Tian JH, Ma B, Mi DH, et al. L’azitromicina vs benzatina penicillina G per la sifilide precoce: una meta-analisi di studi clinici randomizzati. Int J STD AIDS. 19 aprile 2008 (4): 217-21. [Visualizza Abstract]
  35. Hook EW 3rd, Behets F, Van Damme K, Ravelomanana N, P Leone, Sena AC, et al. Uno studio di fase III di equivalenza di azitromicina rispetto benzatina penicillina per il trattamento della sifilide precoce. J Infect Dis. 2010 Jun 1. 201 (11): 1729-1735. [Visualizza Abstract]
  36. Grimes M, Sahi SK, Godornes aC, Tantalo LC, Roberts N, Bostick D, et al. Due mutazioni associate alla resistenza ai macrolidi in Treponema pallidum: aumento della prevalenza e correlazione con molecolare ceppo a Seattle, Washington. Sex Transm Dis. 2012 dicembre 39 (12): 954-8. [Visualizza Abstract]
  37. Oro MR, Wasserheit JN. La prevenzione delle infezioni a trasmissione sessuale virale – prepuzio in prima linea. N Engl J Med. 2009 Mar 26. 360 (13): 1349-1351. [Visualizza Abstract]
  38. Tobian AA, Serwadda D, Quinn TC, Kigozi G, Gravitt PE, Laeyendecker O, et al. circoncisione maschile per la prevenzione di HSV-2 e infezioni da HPV e sifilide. N Engl J Med. 2009 Mar 26. 360 (13): 1298-309. [Visualizza Abstract]
  39. Augenbraun MH, Rolfs R. Il trattamento della sifilide, 1998: gli adulti non in gravidanza. Clin Infect Dis. 1999 28 gennaio Suppl 1: S21-8. [Visualizza Abstract]
  40. CDC. Penicillina Allergia-STD Trattamento Linee Guida 2015. Dipartimento di Salute e Servizi Umani. Disponibile a http://www.cdc.gov/std/tg2015/pen-allergy.htm
  41. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. Malattia a trasmissione sessuale Sorveglianza, 2007. 2008. 33. Atlanta, Georgia:
  42. CDC. Trends – STD Sorveglianza 2006. Dipartimento di Salute e Servizi Umani. Disponibile a http://www.cdc.gov/std/stats/trends2006.htm#syphilistrends
  43. CDC. Riassunto delle malattie soggette a denuncia, Stati Uniti, 1997. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 1998 Novembre 20. 46 (54): II-VII, 3-87. [Visualizza Abstract]
  44. Nakashima AK, Rolfs RT, Stormo ML, Kilmarx P, Greenspan JR. Epidemiologia della sifilide negli Stati Uniti, 1.941–1.993. Sex Transm Dis. 1996 Jan-febbraio 23 (1): 16-23. [Visualizza Abstract]
  45. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie. STD Sorveglianza del 2003, Atlanta, Ga. 2004. Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie:
  46. Centri per il Controllo e la Prevenzione (CDC) di malattia. Azitromicina fallimenti terapeutici delle infezioni da sifilide – San Francisco, California, 2002-2003. MMWR Morb Mortal Wkly Rep. 2004 Mar 12. 53 (9): 197-8. [Visualizza Abstract]

Sifilide. Queste fotografie ritraggono l’ulcera caratteristiche osservate nella sifilide primaria. Utilizzato con il permesso di Saggezza (sinistra) A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989. (Destra) Centers for Disease Control and Prevention

Sifilide. Queste fotografie ritraggono l’ulcera caratteristiche osservate nella sifilide primaria. Utilizzato con il permesso di Saggezza (sinistra) A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989. (Destra) Centers for Disease Control and Prevention

Sifilide. lesioni Palmar osservate in sifilide secondaria. Utilizzato con il permesso di Saggezza (sinistra) A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989. (Destra) Centers for Disease Control and Prevention

Queste fotografie illustrano esempi di lata condilomi. Le lesioni assomigliano verruche genitali (condilomi acuminati). Fluidi trasuda da queste lesioni sono altamente infettivi. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Sifilide. Queste fotografie mostrano immagini ravvicinate di gummas osservati in sifilide terziaria. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Sifilide. Questa fotografia illustra corioretinite di sifilide congenita. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Sifilide. Questa fotografia mostra un esempio di denti Hutchinson in sifilide congenita. Nota intaglio. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Lues ematossilina ed eosina. L’esame istopatologico mostra un infiltrato lichenoide che è stereotipata della fase secondaria della sifilide. Si noti che vacuolare alterazione dell’epitelio sovrastante può essere visto tanto come una forma non infettiva di dermatite lichenoide. L’infiltrato subjunctional è ricco di istiociti e plasmacytes. A volte, un infiltrato lichenoide apertamente granulomatosa può essere visto.

Lues TP macchia. colorazione immunoperossidasi per T pallidum mette in luce molti organismi arrotolati sottili che risiedono nella zona di perijunctional. Di tanto in tanto, gli organismi si possono trovare anche nel derma superiore o attorno a strutture annessiali.

Sifilide. Queste fotografie ritraggono l’ulcera caratteristiche osservate nella sifilide primaria. Utilizzato con il permesso di Saggezza (sinistra) A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989. (Destra) Centers for Disease Control and Prevention

Sifilide. Queste fotografie mostrano l’eruzione disseminata osservato in sifilide secondaria. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Sifilide. Queste fotografie mostrano immagini ravvicinate di gummas osservati in sifilide terziaria. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Sifilide. Questa fotografia ritrae sifilide primaria "baci" lesioni. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Sifilide. lesioni Palmar osservate in sifilide secondaria. Utilizzato con il permesso di Saggezza (sinistra) A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989. (Destra) Centers for Disease Control and Prevention

Queste fotografie illustrano esempi di lata condilomi. Le lesioni assomigliano verruche genitali (condilomi acuminati). Fluidi trasuda da queste lesioni sono altamente infettivi. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Sifilide. Queste fotografie illustrano facies tipici della sifilide congenita. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Sifilide. Questa fotografia mostra un esempio di denti Hutchinson in sifilide congenita. Nota intaglio. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

Sifilide. Questa fotografia illustra corioretinite di sifilide congenita. Utilizzato con il permesso di Sapienza A. Colore Atlante delle malattie sessualmente trasmesse. Year Book Publishers Medical Inc; 1989.

ulcera sifilitica

Sifilide secondaria – Exanthem

Sifilide secondaria – Exanthem

Lues ematossilina ed eosina. L’esame istopatologico mostra un infiltrato lichenoide che è stereotipata della fase secondaria della sifilide. Si noti che vacuolare alterazione dell’epitelio sovrastante può essere visto tanto come una forma non infettiva di dermatite lichenoide. L’infiltrato subjunctional è ricco di istiociti e plasmacytes. A volte, un infiltrato lichenoide apertamente granulomatosa può essere visto.

Lues TP macchia. colorazione immunoperossidasi per T pallidum mette in luce molti organismi arrotolati sottili che risiedono nella zona di perijunctional. Di tanto in tanto, gli organismi si possono trovare anche nel derma superiore o attorno a strutture annessiali.

Related posts

  • Sifilide lesioni immagini, lesioni sifilide immagini.

    Dal 1996, i tassi di sifilide sono aumentati negli Stati Uniti, in particolare tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con altri uomini. Gli studi suggeriscono che le persone con HIV che si infettano con la sifilide …

  • Sifilide Un riemergendo infezione …

    Anteprima gratuita. membri AAFP e abbonati pagati: Entra per ottenere un accesso gratuito. Tutti gli altri: acquistare l’accesso on-line. Anteprima gratuita. Acquistare l’accesso online per leggere la versione completa di questo articolo ….

  • Sifilide fatti e le foto, le immagini sifilide orale.

    Malattia a trasmissione sessuale Facts I sintomi della sifilide: Nella fase iniziale, la malattia produce piaghe dolorose o ulcere che appaiono di solito sui genitali, ma può comparire in qualsiasi punto della …

  • L’eruzione della sifilide secondaria, immagini di sifilide eruzioni cutanee.

    CMAJ 2 Gen 2007 vol. 176 n. 1 doi: 10,1503 / cmaj.060665 Practice © 2006 CMA Media Inc. o dei suoi licenziatari Il caso: A 34-year-old man omosessuali è stato sottoposto ad un dermatologo per …

  • Sifilide Rash, la sifilide sulle immagini del viso.

    Se siete alla ricerca di informazioni su eruzioni cutanee la sifilide, questo articolo è per te. Leggete per sapere circa le cause, sintomi e trattamento di questa condizione, e come si può prendere misure …

  • Sifilide Foto, immagini di sifilide eruzioni cutanee.

    Esattamente quello che è sifilide? L’infezione primaria in grado di sviluppare 10 giorni a 3 mesi dopo essere stato esposto. I segni possono essere: Piccolo, indolore, mal fermo sulla zona del corpo in cui i batteri ha …