Utilità dei criteri di Amsel, Nugent …

Utilità dei criteri di Amsel, Nugent ...

Dipartimento di Medicina, Sezione di Malattie Infettive, Rush University Medical Center, Chicago, Illinois, 1 Divisione di Epidemiologia e Biostatistica, School of Public Health, University of Illinois a Chicago, Chicago, Illinois, 2 Dipartimento di Immunologia / Microbiologia, Rush University Medical center, Chicago, Illinois, 3 Dipartimento di Medicina, nucleo centrale, Cook County Bureau of Health Sciences, Chicago, Illinois 4

Autore Corrispondente. Indirizzo postale: Dipartimento di Medicina, Sezione di Malattie Infettive, Rush University Medical Center, 600 S. Paulina, Suite 143, Chicago, IL 60612. Telefono: (312) 942-5865. Fax: (312) 942-8200. E-mail: ude.hsur@ahsb.

Ricevuto 2.005 28 gennaio; Rivisto 10 marzo 2005; Accettato 2005 3 giugno.

Copyright 2005 American Society for Microbiology

Astratto

Rispetto ai criteri di Amsel, il punteggio Nugent consente la valutazione delle alterazioni nella flora vaginale come un continuum piuttosto che una dicotomia. culture vaginali per G. vaginalis sono sensibili ma non specifica, come dal 50 al 60% delle donne asintomatiche sane sarà coltura positiva (14). Poiché i criteri Amsel dipendono l’acume del clinico, il punteggio Nugent è stato favorito per la diagnosi BV a causa di riproducibilità superiore e sensibilità (9). Tuttavia la valutazione degli strisci è anche personale e richiede pertanto un lettore esperto slitta (10).

Recentemente abbiamo riportato su un metodo PCR per quantificare hominis M.. G. vaginalis. e lattobacilli a lavanda cervicovaginale (CVL) campioni ottenuti da virus dell’immunodeficienza umana (HIV) -infected donne e sono stati in grado di dimostrare che hominis M. e G. vaginalis conta batterica sono aumentate significativamente e Lactobacillus conta batterica sono risultati significativamente diminuiti in presenza di BV (13. 16).

MATERIALI E METODI

coorte di pazienti.

Quattrocento sei campioni CVL ottenuti da 362 donne con infezione da HIV sono stati selezionati dal repository WIHS. WIHS è uno studio longitudinale, multicentrico di coorte di HIV-infetti e ad alto rischio le donne non infette seguiti presso sei siti clinici negli Stati Uniti. A seguito di revisione approvazione del consiglio istituzionale, 2.059 donne con infezione da HIV sono stati arruolati da ottobre 1994 al novembre 1995. Il consenso informato è stato ottenuto da tutti i soggetti, e le linee guida sperimentazione umana del Dipartimento di Salute e Servizi Umani e / o di quelli delle istituzioni degli investigatori sono stati seguiti. Una dettagliata intervista, esame fisico e ginecologico, e monitoraggio di laboratorio vengono effettuate ogni 6 mesi (3). Una descrizione dettagliata delle donne da cui sono stati ottenuti i campioni CVL 406 è stato pubblicato in precedenza (13).

raccolta ed elaborazione CVL.

Batteri.

estrazione del DNA e PCR in tempo reale.

Metodi statistici.

RISULTATI

Utilizzando il punteggio Nugent come il gold standard per la diagnosi di BV, abbiamo valutato la sensibilità e la specificità dei criteri di Amsel. Settantacinque dei 203 campioni CVL da donne con Nugent decine di 7 a 10 e due dei 203 campioni CVL da donne con Nugent decine di 0-3 incontrato i criteri positivi Amsel (sensibilità 37%, specificità 99%). A causa della scarsa sensibilità dei criteri Amsel in questa popolazione, abbiamo analizzato le prestazioni di ciascuno dei singoli componenti dei criteri Amsel rispetto al punteggio Nugent. pH vaginale del 4,5 migliorata la sensibilità della diagnosi BV a scapito della specificità rispetto agli altri tre componenti del criteri Amsel (tabella (Tabella 1 1).

Sensibilità e specificità dei criteri di Amsel e dei singoli componenti in confronto a Nugent punteggio per la diagnosi di vaginosi batterica

Log10 punti di taglio batteriche per hominis M. (MH), G. vaginalis (GV), e lattobacilli (L) da solo e in combinazione e sensibilità e specificità di questi modelli che utilizzano il punteggio Nugent come metodo gold standard per la diagnosi di vaginosi batterica

Per studiare le caratteristiche diagnostiche del predittore (s) ottenuti nei modelli di regressione logistica, abbiamo calcolato sensibilità e specificità per tutti i possibili punti di taglio corrispondenti alla forma di ogni modello di regressione logistica e tracciata come curve ROC (Fig. (Fig.2 ). 2). I valori dell’area sotto la curva (AUC in Fig. Fig.2) 2) mostrano chiaramente che i predittori combinati sono migliori per la diagnosi di BV. Le analisi sono state ripetute per dati con il 12% misure ripetute rimossi. I risultati sono stati immutata o minimamente modificato. La sensibilità e la specificità modificato sono visualizzati tra parentesi vicino alla prima serie di analisi nelle tabelle. Altre modifiche corrispondenti alle analisi senza misure ripetute comprese le curve ROC non sono stati presentati a causa delle differenze minime visto.

Le curve ROC per combinazioni di uno o più conta batterica come criteri diagnostici per BV. MH, hominis M. ; GV, G. vaginalis ; LA, lattobacilli; AUC, area sotto la curva. Quanto più l’AUC è di 1.0, migliore è la conta batterica prevedono BV. Il fondo .

DISCUSSIONE

Inoltre siamo stati in grado di identificare i punti di taglio per G. vaginalis e hominis M. che differenziano il gruppo BV dal gruppo No-BV. Modellazione di combinazioni di batteri dimostrato che la combinazione dei tre batteri fornito la migliore sensibilità e specificità combinata per diagnosticare BV utilizzando Nugent colorazione Gram come gold standard. Noi non valutiamo per altri batteri identificati come importante nella vaginosi batterica, come Prevotella spp. Bacteroides spp. Mobiluncus spp. Peptostreptococcus spp. o Ureaplasma urealyticum (4. 8). L’aggiunta di uno o più di questi batteri al nostro modello potrebbe migliorare la correlazione con punteggio Nugent.

Mentre un metodo PCR per rilevare BV è più alta intensità di lavoro e costoso rispetto al metodo macchia di punteggio Nugent Gram per la diagnosi clinica, è meno ingombrante di vecchie tecniche di coltura quantitativi utilizzati in contesti di ricerca in cui la valutazione per i cambiamenti nella specifici batteri potrebbero essere di aiuto nella comprensione del patogenesi e / o le conseguenze di BV. Per esempio, abbiamo recentemente dimostrato che BV è stata associata ad un aumento dell’espressione HIV nel CVL delle donne con infezione da HIV. All’analisi multivariata, questo è risultato essere inversamente associato con lactobacillus conta batterica e positivamente associato con hominis M. conta batterica del CVL, ma non associati Gardnerella vaginalis conta batterica. Questa analisi non avrebbe potuto essere fatto con il metodo macchia Nugent Gram come il punteggio Nugent non può valutare per hominis M. a causa della sua mancanza di una parete cellulare né fornire informazioni quantitative su specifici batteri associati con BV.

Abbiamo concludere che quantitativa batterica PCR ha un potenziale come strumento per valutare la microflora batterica della vagina. Questi dati devono essere confermati nelle popolazioni di HIV-sieronegativi.

Ringraziamenti

Ringraziamo tutte le donne che hanno partecipato o stanno ancora partecipando alle WIHS. Noi riconosciamo con gratitudine il sostegno dei WIHS nella fornitura di campioni e dati clinici. I sei centri clinici (ricercatori principali) sono le seguenti: New York City Consorzio Bronx / (Kathryn Anastos); Brooklyn, NY (Howard Minkoff); Washington DC Metropolitan Consortium (Mary Young); il Consorzio Connie Wofsy Studio della California del Nord (Ruth Greenblatt e Herminia Palacio); Contea / Southern Consorzio California Los Angeles (Alexandra Levine); e il Consorzio di Chicago (Mardge Cohen) e il Centro di coordinamento dei dati (Alvaro Munoz). Ringraziamo John O’Keefe, University of Illinois a Chicago, per la gestione dei dati e Cheryl Jennings, Rush University Medical Center, per la catalogazione dei campioni CVL.

RIFERIMENTI

1. Amsel, R. P. A. Totten, C. A. Spiegel, K. C. S. Chen, D. A. Eschenbach, e K. K. Holmes. 1983. non specifico vaginiti: criteri diagnostici e le associazioni epidemiologiche. Am. J. Med. 74 : 14-22. [PubMed]

2. Anderson, M. R. K. Klink, e A. Cohrssen. 2004. La valutazione dei reclami vaginali. JAMA 291 : 1368-1379. [PubMed]

3. Barkan, S. E. S. L. Melnick, S. Martin-Preston, K. Weber, L. A. Kalish, P. Miotti, M. Young, R. Greenblatt, H. Sacchi, e J. Feldman per il Gruppo WIHS Collaborative Study. Studio HIV Interagency 1998. Le Donne. Epidemiologia 9 : 117-125. [PubMed]

4. Delaney, M. L. e A. B. Onderdonk per la Microbiologia e Gruppo di Studio prematurità. 2001. punteggio Nugent legate alla cultura vaginale nelle donne in gravidanza. Obstet. Gynecol. 98 : 79-84. [PubMed]

5. Gratacos, E. F. Figueras, M. Barranco, R. Ros, A. Andreu, P. L. Alonso, e V. Cararach. 1999. La prevalenza di vaginosi batterica e la correlazione di clinica per grammo criteri diagnostici macchia nelle donne in gravidanza a basso rischio. Euro. J. Epidemiol. 15 : 913-916. [PubMed]

6. Greenblatt, R. M. P. Baccetti, S. Barkan, M. Augenbraun, S. Argento, R. Delapenha, et al. per il Gruppo WIHS Collaborative Study. 1999. infezioni del tratto genitale inferiore tra le donne non infette da HIV e ad alto rischio. Sesso. Trasm. Dis. 26 : 143-151. [PubMed]

7. Hillier, S. L. 1998. L’ecosistema microbico vaginale e la resistenza al virus HIV. AIDS Res. Ronzio. Retrovirol. 14 : S17-S21. [PubMed]

8. Hillier, S. L. M. A. Krohn, L. K. Rabe, S. J. Klebanoff, e D. A. Eschenbach. 1993. La normale flora vaginale, H2 O2 -la produzione di lattobacilli, e vaginosi batterica nelle donne in gravidanza. Clin. Infettare. Dis. 16 (Suppl. 4): S273-S281. [PubMed]

11. Obata-Yasuoka, M. W. Ba-Thein, H. Hamada, e H. Hayashi. 2002. Una catena di multiplex polimerasi reazione a base di metodo diagnostico per vaginosi batterica. Obstet. Gynecol. 100 : 759-764. [PubMed]

12. Schwebke, J. R. S. L. Hillier, J. D. Sobel, J. A. McGregor, e R. L. dolce. 1996. Validità della colorazione di Gram vaginale per la diagnosi di vaginosi batterica. Obstet. Gynecol. 88 : 573-576. [PubMed]

13. Sha, B. E. M. R. Zariffard, D. J. Wang, H. Y. Chen, J. Bremer, M. H. Cohen, e G. T. Spear. 2005. tratto genitale femminile carico HIV correlata inversamente con Lactobacillus spp. ma positivamente con vaginosi batterica e Mycoplasma hominis. J. Infect. Dis. 191 : 25-32. [PubMed]

Articoli da Journal of Clinical Microbiology sono forniti qui per gentile concessione di American Society for Microbiology (ASM)

Related posts

  • Utilità della Mayo End-Stage …

    I metodi astratti sfondo si hanno valutato l’utilità del punteggio MELD e confrontati con la funzione discriminante (DF) come predittore di mortalità nei 34 pazienti ricoverati in ospedale con un titolo …

  • Ureaplasma normale flora

    Figura 2 Tabella 2: L’analisi statistica delle associazioni tra. ed alcuni parametri clinici e microbiologici Come si può vedere nella tabella 2, Mycoplasma hominis da solo era fortemente …

  • Ureaplasma cura naturale

    Quantitative Research Proposta Il ruolo del Mycoplasma / Ureaplasma in recidivante vaginosi batterica Angela Carpenter Carpenter Angela MMW721 Critical Inquiry II, progetto finale Pubblicato dicembre …

  • Utilità di biopsia del midollo osseo …

    Abstract Background biopsia del midollo osseo è considerato essenziale per la messa in scena e il trattamento del rischio adattata di linfoma di Hodgkin con le caratteristiche di rischio sfavorevoli. Abbiamo esaminato i casi di …

  • modifiche flora vaginale associati …

    Citation Am J Obstet Gynecol. 1997 Jan; 176 (1 Pt 1): 173-8. Estratto OBIETTIVO: Lo scopo di questo studio è stato quello di indagare su qualsiasi associazione tra trasporto vaginale di Mycoplasma hominis e genitale …

  • infezioni Trichomonas nelle donne

    Estratto INTRODUZIONE Attualmente, il gold standard per la diagnosi di infezione da T. vaginalis è cultura; Tuttavia, la sensibilità della cultura commercialmente disponibile è stato riportato che il 75% …